HamStory

All’inizio era solo “la radio”.
Ma dal 1977 fino al 1990 si diffusero molti tipi di personal computer negli Stati Uniti, nel Regno Unito e anche in Italia.

Da quel momento la nostra storia è cambiata.
Niente sarà più come prima.

Tra il 1985-1987 iniziai ad usare software, che emulava un sistemi di trasmissione, prima d’ora utilizzabili solo con apparecchiature, ingombranti, costose e poco diffuse. Era disponibile su microcomputer, sviluppato dal britannico G1FTU by Pearson.
Lo caricai su Sinclair ZX “Spectrum”  sfruttando il nativo ingresso analogico. Era incredibile poter sostituire una ingombrante telescrivente meccanica con un  piccolo e leggero dispositivo, che fra l’altro poteva visualizzare  i testi e stamparli solo all’occorrenza.
Con questo piccolo software archiviato su nastro magnetico, io ed altri amici radiomatori, con  grande entusiasmo e spirito collaborativo abbiamo eseguito molte prove, decodificando ed archiviato molte trasmissioni RTTY prima di provenienti da agenzie di stampa, comunicazioni commerciali, abbiamo effettuato numerosi test variandone velocità, e banda passante,i shift di mark e space ed altri parametri.
Si diffusero successivamente altri sistemi come i Commodore vic20, prima e poco dopo c64, c128 Amiga, e infine l’avvicinamento ai primi  “compatibili”  con Intel 8086 a 4 mhz poi AMD 8088. In Italia eravamo all’avanguardia tutto sommato: avevamo ancora l’Olivetti che dopo il P101 e le serie Z stava commercializzando gli M24.
Con modem realizzati in casa da e con amici, abbiamo fatto numerosi collegamenti con colleghi radioamatori, via radio in  AMTOR, FEC, ARQ, un curioso sistema sincrono, che metteva a dura i prova i relè degli RTX nati per uso tradizionale, in fonia.
Venne poi il momento della  Slow Scan Television (SSTV), con una serie di nuovi nuovi protocolli utili al trasferimento di  immagini attraverso la radio in HF, ed alla loro ricezione.  Ci sembrava meraviglioso.  Spesso la sera, mentre si facevano i classici QSO tra amici, contemporaneamente si ricevevano le foto inviate dalle agenzie di stampa via radio, in FAX sullo spettro a onde corte e visualizzate con le prime schede grafiche come CGA, EGA, HERCULES e finalmente con la VGA, la prima che offriva un risultato fotografico con la sua palette di colori.
Il big bang stava per arrivare: il packet radio! Un sistema asincrono,  con controllo errori, basato su checksum.
Basato in un primo momento solo sul protocollo AX.25, proprio perché più di  X.25, utilizzato per altri sistemi, includeva un campo ulteriore e permetteva la funzione “digipeater” per consentire ad altre stazioni di ripetere automaticamente i pacchetti per ampliare la distanza coperta. Successivamente lo stack fu implementato con il TCP-IP, Rose NET/ROM e altri.
In AX.25 ogni pacchetto inviato conteneva il nominativo radioamatoriale del mittente e del destinatario, fornendo così l’identificazione della stazione ad ogni trasmissione ed il suo destinatario di connessione ed un ssid.
Le stazioni stazioni inviavano un ID beacon, non numerato trasmesso con una temporizzazione predefinita, normalmente ogni 3 o 5 minuti. Ciò rendeva possibile conoscere quali stazioni erano attive in isofrequenza.
Chi non ricorda DIGICOM su Commodore C64 con modem semplice? È stato davvero emozionante.
La velocità massima era di 300 baud sullo spettro HF e di 1200 baud su VHF o superiore. Ora sembra preistoria, ma non era cosi all’epoca.
Rispetto al recente passato  arrivava a decuplicare la velocità di trasmissione e ricezione.
Per la prima volta si potevano trasferire documenti, immagini, foto, attraverso un sicuro canale digitale. Potevano avere un destinatario personale, o una comunità predefinità.

Durante questi anni noi radioamatori abbiamo creato una vera rete, con servizi di posta, area notizie e distribuzione di software opensource.
Questo era disponibile per tutta le comunità di radioamatori, che potevano collegarsi usando appunto software client come digicom o tpk ecc.

Era possibile  inviare e ricevere e-mail e scaricare o caricare software attraverso questo sistema molto prima che Internet nascesse.
Questi nuovi sistemi erano chiamati BBS o RBBS. (Bulletin Board System)
Nei primi anni i software server più utilizzati furono: MSYS e FBB.
Nacquero successivamente altri servizi di sistema, ad esempio i servizi PACKET CLUSTERS per le informazioni DX, APRS per la geo-localizzazione e molto altro.
Io fui uno dei SysOps che ha contribuito alla nascita della prima rete informatica radio al mondo.
Dopo un breve periodo con MSYS ho preferito il software FBB, creato da Jean-Paul Roubelat F6FBB, che ringrazio ancora per l’impegno e il grande lavoro.
In breve tempo fu possibile aumentare le velocità di trasmissione, dai 300/1200 bd a 2k4  con modulazione Manchester, quindi 9K6 con modulazione RUH creata da G3RUH, aumentano con successo la velocità fino a 38k4, senza dimenticare il grande ricercatore, insegnante Matjaz Vidmar S53MV che tra i tanti progetti sviluppò il nodo SuperVozely.

L’entusiasmo per il packet mi porto così ad impiantare stabilmente un sistema sempre attivo 24/24.
La versione iniziale, il primo equipaggiamento della neonata banca dati “sperimentale” era costituita da  un personal computer XT 8088 4 mhz 640kb di ram, hard-disk da 10 Mb, due porte seriali collegate a due ricetrasmettitori. Una porta serviva per i servizi di scambio posta con le banche dati adiacenti per territorio, i nodi postali. Il collegamento era effettuato in UHF a 432.925Mhz.  L’accesso per gli utenti nella avveniva nella banda VHF, a 144.750Mhz.
Successivamente, poco prima della fine 1989 la configurazione si era evoluta  espandendosi in questo modo:

Sistema MSDOS da 3.30 a 6.20
Server software MSYS e F6FBB
N.2 PC 80486 su Novell Network
N. 2 HDD 40 MB per sistema e posta
N. 2 Lettori CD 640 mb x 2 (soft per area download)
3 TNC (controller nodo terminale) tipo TNC 2
1 TNC PK232 sulla porta diretta HF
1 RTX VHF KENWOOD TM231 144.750 mhz 10w Antenna X500 su porta utenti su 1200 bd
1 RTX UHF KENWOOD TR9500 con amplificatore di potenza 432.625 mhz 50w Antenna yagi filtri cavità sulla porta 2400 bd da / verso posta in avanti verso nord verso IW3GRX
1 RTX UHF TM431 KENWOOD 435.xxx mhz 50w Antenna X500 sulla porta 9600 bd RUH per inoltrare la posta da / verso ovest e direzione sud IW4CNQ- I4UJB
1 RTX HF 14.100 Mhz KENWOOD 140 100w Antenna yagi elementi sulla porta 300 bd per inoltrare posta da posta verso il corrispondente Svedese con SM7HCJ

Peccato che non avevamo pensato che tutto ciò, negli anni a venire, con l’avvento di internet delle fibre ottiche, dei satelliti geostazionari, avrebbe sepolto “la radio” intesa come un mondo, anche romantico fatto di suoni, di ti-ta del CW,  vitalità, suoni misteriosi, incontri intercontinentali, gentilezza e fair play.

Non appena possibile il racconto continuerà….


English

At the beginning it was just Radio.
But since1977 untill 1990 many kinds of personal computer appeared in United States, United Kingdom and  in Italy too.
Since that moment our history  changed.
Nothing will be the same as before.

In the 1986-1988 we have made a first step to experiment a new tranmission system, available now on microcomputer. The British  G1FTU, developed a very good software, that runs on Sinclair ZX spectrum. We have decoded many broadcast RTTY and we have made many test in similar mode.
Succesfully with other systems, like Commodore, and 8088 IBM and with modem home made,  we have tested the teleprinting over radio, AMTOR FEC,  ARQ, father of radio synchronous system.
We have also tested Slow Scan Television (SSTV), with all new protocols, usefull  to transfer images over radio.
We have received  wonderfull images sent from world wide press agency  on FAX radio on short wave spectrum with first graphic card like CGA, EGA, HERCULES, and finally better VGA.
For us, the big-bang is coming, was the packet radio. The packet radio, asynchronous system, based in first moment only on X.25 protocols, precisely AX.25 beacuse includes a digipeater field to allow other stations to automatically repeat packets to extend the range. Every packet sent contains the sender’s and recipient’s amateur radio callsign, this providing station identification with every transmission. This is used also to call/connect the stations on the air.
Any station provide to send a beacons ID, that was unnumbered protocols frame transmitted/delivered regularly every few minutes, so was possible know who is on the air.
Who don’t remember the fantastic apps DIGICOM  on Commodore C64 with simple modem? It was really exciting.

The max speed was 300 baud on HF spectrum and 1200 baud on VHF or higher.
During these years, with some radio amateurs built a real network, with mail services, news area, and distribution free sofware. This was available for all hams comunity,using software client (digicom tpk etc..).

So was possible send/receive e-mail and dowload/upload software through this system long, before the internet was born.
These new systems were called BBS or RBBS. (Bulletin Board System) In the first years the most used servers software was: MSYS and FBB. Other system services was born, for example, PACKET CLUSTERS  services for DX information, APRS for geo-localization and more…

I was one of the SysOps.  This uor  contribute to the create the first radio network in the world.

After some tests I preferred FBB software, created by Jean-Paul ROUBELAT F6FBB, whom I thank for the  great work.
In a short time the transmission speed increased.  300/1200 bd to 2400 bd with Manchester modulation, then 9600 with modulation RUH created by G3RUH, succesfully increase speed up to 38k4 and Matjaz Vidmar S53MV popularized the famous node SuperVozely.

In a first time I use stand alone PC XT 8088 4mhz  640kb ram
hd 10 mb, only two port, and two transceiver. Just one to services forward mail on uhf, and one for users in vhf band, but succesfully about 1990 we ugrade the BBS configuration so:

System MSDOS from 3.30 untill 6.20
Sofware server MSYS and F6FBB
N.2 PC 80486 on Novell or Lantastic Network
N. 2 HDD 40 MB for system and mail
N. 2 CD reader 640 mb x 2 (soft for download area)
3 TNC (terminal node controller) type TNC 2
1 TNC PK232 on HF forward port
1 RTX VHF KENWOOD TM231 144.750 mhz 10w Antenna X500 on users port on  1200 bd
1 RTX UHF KENWOOD TR9500 with power amp 432.625 mhz 50w Antenna yagi cavity filters on port 2400 bd to/from forward mail to north direction IW3GRX
1 RTX UHF TM431 KENWOOD 435.xxx mhz 10w Antenna X500 on port 9600 bd RUH to forward mail to/from west and south direction IW4CNQ- I4UJB
1 RTX HF  14.100 Mhz KENWOOD 140 100w Antenna yagi 3 element on port 300 bd forward mail to/from Swedland with SM7HCJ

This is the first prompt:  #DataShack RBBS IW4CQH-8>

to be continued….